ECO-Management aderisce a Green-Core

Written by redazione on . Posted in Ambiente, Rifiuti, Risparmio energetico

La vicentina Eco-Management, società di gruppo Ethan specializzata in sostenibilità e consulenza ambientale, ha aderito in questi giorni alla costituzione del Consorzio triestino Green-Core (GREen Economy Network for Cooperation On Renewable Energy) di cui è entrata a far parte assieme ad altre sei aziende italiane e slovene.

Il Consorzio, sorto per iniziativa dell’Ente Zona Industriale di Trieste – Ezit, punta a costruire un gruppo di solide realtà transnazionali che riunisca eccellenze nel campo della sostenibilità e della green economy.

“Sempre più il futuro economico del Nord Est italiano passa per forme di collaborazione con gli stati limitrofi” ha dichiarato l’amministratore di Eco-Management dott. Mirko Muraro. “In questo senso Green-Core rappresenta un’importante occasione per creare business in un campo, quello della green economy, che sarà centrale per lo sviluppo futuro.”

Il Consorzio si prefigge l’obiettivo di incoraggiare lo sviluppo sostenibile, fornendo soluzioni concrete a richieste specifiche, anche in cooperazione con il mondo della ricerca, dell’Università e con gli altri enti preposti allo sviluppo del territorio. Il Consorzio agirà nell’ambito del progetto iCON, il cui obiettivo è aumentare la competitività delle PMI in tutta l’area programma attraverso la messa in rete e azioni di cooperazione. Sono inoltre previste la collaborazione, lo scambio di conoscenze e il trasferimento tecnologico, l’innovazione e l’internazionalizzazione.

Trackback from your site.

Comments (2)

  • energia rinnovabile

    |

    energia rinnovabile…

    Estar Web » ECO-Management aderisce a Green-Core…

    Reply

  • Jarean

    |

    colomboadmin scrive:Buongiorno,le ctgeaorie di soggetti obbligati ad iscriversi sono:PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI PERICOLOSI: le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi.PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI NON PERICOLOSI: le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all’articolo 184*, comma 3, lettere c), d) e g), del decreto legislativo n.152/2006, con pif9 di dieci dipendenti.REGIONE CAMPANIA: i Comuni, gli Enti e le Imprese che gestiscono i rifiuti urbani nel territorio della Regione Campania.COMMERCIANTI ED INTERMEDIARI: i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione.CONSORZI: i consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti che organizzano la gestione di tali rifiuti per conto dei consorziati.TRASPORTATORI PROFESSIONALI: le imprese di cui all’articolo 212, comma 5, del decreto legislativo n. 152/2006 che raccolgono e trasportano rifiuti speciali.OPERATORI DEL TRASPORTO INTERMODALE: il terminalista concessionario dell’area portuale di cui all’articolo 18 della legge n. 84/1994 e l’impresa portuale di cui all’articolo 16 della medesima legge, ai quali sono affidati i rifiuti in attesa dell’imbarco o allo sbarco per il successivo trasporto; I responsabili degli uffici di gestione merci e gli operatori logistici presso le stazioni ferroviarie, gli interporti, gli impianti di terminalizzazione e gli scali merci ai quali sono affidati i rifiuti in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell’impresa ferroviaria o dell’impresa che effettua il successivo trasporto.TRASPORTATORI IN CONTO PROPRIO DI RIFIUTI PERICOLOSI: le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti pericolosi di cui all’art. 212, comma 8, del decreto legislativo n. 152/2006.RECUPERATORI E SMALTITORI: le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti.Categorie di soggetti con iscrizione al SISTRI facoltativaPRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI NON PERICOLOSI: le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all’articolo 184*, comma 3, lettere c), d) e g), del decreto legislativo n. 152/2006, che non hanno pif9 di dieci dipendenti; gli imprenditori agricoli di cui all’art. 2135 del codice civile che producono rifiuti non pericolosi; le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi derivanti da attivite0 diverse da quelle di cui all’art. 184*, comma 3, lettere c), d) e g), del decreto legislativo n. 152/2006.TRASPORTATORI IN CONTO PROPRIO DI RIFIUTI NON PERICOLOSI: le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi di cui all’articolo 212, comma 8, del decreto legislativo n. 152/2006.

    Reply

Leave a comment

Privacy Policy - Cookie Policy - EstarWeb - via Emilia 7, Monselice (PD) - Tel. 049 0990550 Fax 049 0990580 Dicono di Noi